La Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità. Alcune considerazioni sull’omofobia

2 novembre 2009

L'Homomonument di Amsterdam

Salite in prima linea Fuoco sugli uomini che fanno sesso con gli uomini dal di dietro Sparate ai gay e alle lesbiche, la mia grossa pistola fa bang Bang Bang! [come in un colpo di pistola] i gay e le lesbiche vanno ammazzati Ai sodomiti e i batty boy, io dico: a morte! Non mi fido di Babilonia nemmeno per un secondo Io vado a sparare ai gay e alle lesbiche con le armi (Sizzla)

Non voglio parlare di Sizzla in questa sede ma, partendo da questo caso concreto, vorrei proporre alcune riflessioni generali.

E’ giusto impedire al cantante Sizzla di tenere il suo concerto a Bologna il 12 novembre o rischiamo d’introdurre nel nostro ordinamento il reato d’opinione? La liberta’ di espressione tutela innanzitutto le opinioni con cui non siamo d’accordo; anche Mussolini, Hitler e Stalin difendevano la libertà d’espressione delle opinioni con cui erano d’accordo. Ma possiamo invocare la liberta’ d’espressione nel caso di chi incita all’assassinio di massa? Perche’ di questo si tratta, di incitamento all’odio e alla violenza, di minaccie contro il bene supremo, la vita, contro una categoria di persone.

La legge gia’ prevede il reato di minaccia, che e’ un reato di pericolo in quanto ai fini della consumazione non è necessario che il bene tutelato sia effettivamente leso, ma è sufficiente che la condotta posta in essere dal reo sia idonea a determinare la coazione del soggetto che la subisce. Perche’ l’Ordinamento prevede questo reato? Ci troviamo forse di fronte a una contraddizione con il principio di liberta’, nella forma della liberta’ d’espressione? Sul tema i giuristi potrebbero intervenire assai meglio di quanto io non riesca a fare qui in queste poche righe, cosi’ come i filosofi potrebbero assai meglio di me illustrare quello che viene chiamato “paradosso della liberta’”. Di questo paradosso e dell’altro ad esso collegato, il “paradosso della tolleranza”, parla Karl Popper in La societa’ aperta e i suoi nemici.

Ma torniamo a chi canta, “Io vado a sparare ai gay e alle lesbiche con le armi”. Se quelle minacce, i deliri di cui canta Sizzla, fossero rivolte contro i nostri fratelli ebrei, si lascerebbe un cantante esibirsi in un concerto dove si inneggi allo sterminio nazista e si inviti alla persecuzione e all’assassinio degli ebrei?

Se dopo ogni strage di mafia ci fosse qualcuno che volesse organizzare un concerto per celebrare quelle stragi e invitare a compierne altre, si invocherebbe la liberta’ d’espressione?

Gli omosessuali vengono perseguitati da secoli. Per 500 anni la maledettissima Santa Inquisizione li ha torturati, impalati e bruciati vivi sui roghi. Hitler li ha rinchiusi nei campi di concentramento, costretti ai lavori forzati, agli esperimenti di medici maledetti al servizio del male, torturati e assassinati a causa dell’ignoranza e della superstizione degli aguzzini. In quei lager morirono almeno 100 mila uomini con il triangolo rosa. Ad Amsterdam, a Parigi e in altri luoghi ci sono monumenti che ricordano le vittime di questo genocidio che in Italia ancora passa in silenzio, anche nelle scuole, anche nell’informazione. Ma ogni omosessuale il suo monumento lo costudisce nella parte piu’ intima della sua anima; non c’e’ nessun membro della comunita’ lgbt che non abbia avuto esperienza, diretta o indiretta, della violenza omofoba e della paura che a quella violenza e’ legata.

Gli omosessuali sono stati perseguitati con la pena di morte e il carcere da moltissimi stati e solo di recente, solo qualche decennio fa’, si e’ decriminalizzata l’omosessualita’ in molti di quegli stati, compresi alcuni stati europei come la Germania e il Regno Unito. Solo pochi anni fa’ l’omosessualita’ e’ stata legalizzata in alcuni stati degli Stati Uniti, soprattutto in seguito all’intervento della Corte Suprema. Oggi nel mondo in 80 paesi l’omosessualità è ancora illegale e in cinque o sei di questi paesi è punita con la morte.

Le discriminazioni contro omosessuali, lesbiche e transessuali sono quotidiane e non fanno notizia; dalla scuola ai luoghi di lavoro, dai media all’intrattenimento, dalla politica alla religione, dalla legge alla morale comune. L’odio omofobo continua a uccidere, anche nei paesi di tradizione liberal-democratica. Qui nel Regno Unito gli omicidi e le aggressioni contro gli omosessuali sono molto frequenti; qualche settimana fa’ l’ultimo linciaggio di un gay nel pieno centro di Londra.

Pochi giorni fa’ il Presidente degli Stati Uniti Obama ha firmato la legge che espande la definizione di crimini d’odio agli atti violenti commessi a causa dell’orientamento sessuale della vittima. “Perche’ nessuno in America dovrebbe piu’ avere paura di camminare per strada tenendo per mano la persona che ama” ha detto Obama “… dobbiamo opporci ai crimini che intendono non solo rompere le ossa, ma rompere gli spiriti – non solo infliggere dolore fisico ma instillare paura”.

Appartengo a quella scuola di pensiero che preferisce prevenire che punire e che sottolinea le responsabilita’ della societa’ anche quando vengono commessi reati da parte di singoli. La responsabilita’ penale e’ personale, ovviamente; e tuttavia c’e’ una responsabilita’ della societa’ che obbliga quella societa’ a mettere in essere quegli accorgimenti e quelle riforme che sole possono garantire una civile convivenza; in questi casi parliamo di buon governo.

L’omofobia, lo vediamo tutti dalla cronaca, e’ assai presente nella nostra societa’ e spesso si manifesta in atti violenti. Da dove nascono quegli atti? Perche’? Come prevenirli? La societa’ dovrebbe tutelare ogni singolo cittadino e i suoi diritti. La Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti puo’ esserci utile: “Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità”.

Io non posso tollerare l’opinione che mi vuole sopprimere. Puo’ la Repubblica?


Il Profeta Scalfari e la Terra Promessa del Partito Democratico

15 ottobre 2009

profeta

In una tregua nella guerra con il Corriere della Sera e il suo direttore, Ferruccio de Bortoli, Eugenio Scalfari – ospite di Serena Dandini sulla TV pubblica – non resiste e, smessa la corazza del generale veste la tunica del profeta per indicare al Partito Democratico la strada verso la Terra Promessa. Il Profeta Scalfari sa come attraversare il Mar Rosso delle regole con cui si sta scegliendo il nuovo segretario del PD: Vi salverete se mi seguirete, è la profezia del Profeta. Dimenticate le regole, voi poveri mortali, e la prima regola in particolare, cioe’ le regole non si cambiano a giochi iniziati; il Profeta è sopra la legge, sopra le regole, sopra i mortali. Al Profeta è Dio che parla e quando fa profezie, quella e’ la volonta’ di Dio.

Le regole per scegliere il nuovo segretario del PD sono troppo complesse? Non c’e’ problema, dice il Profeta, sbarazziamocene ed eleggiamo il nuovo segretaro del PD come al Profeta Scalfari piace, che la Terra Promessa lui sa dov’è. Ignazio Marino, da quel “laicista” che è – lo sappiamo tutti – ha rifiutato la profezia, preferendo la ragione e la democrazia.

Le reazioni non sono mancate, la Rete ne parla ma purtroppo l’Italia ha sempre preferito i profeti alla ragione e la cultura nazionale, quando non e’ ispirata direttamente dalla metafisica, risente pesantemente delle differenti forme di storicismo e dei mostri che quello storicismo ha prodotto; non a caso, la nostra intellighenzia “laica” ignora o detesta uno dei maestri del liberalismo moderno, Karl Popper e il suo lavoro, a cominciare da La societa’ aperta e i suoi nemici.

Il Partito Democratico, guidato da una classe dirigente che si fa notare solo per la sua ignavia politica e inadeguatezza culturale, sembra ora alle prese con il “caso Binetti”, un’utile capro espiatorio per nascondere le vergogne del partito; ma lo sanno tutti, Paola Binetti non è il problema.

Tra quelle vergogne del PD c’e’ anche quella di essersi lasciato imporre la sua linea e azione politica dal partito-quotidiano la Repubblica, che ha monopolizzato l’attenzione del dibattito pubblico e politico della Repubblica (quella di tutti) per mesi e mesi sulla camera da letto del Bananiero Capo, fino alla guerra che il Profeta-Generale Scalfari ha dichiarato al suo diretto concorrente, il Corriere della Sera.

Ora il Profeta appare sugli schermi della TV pubblica e, come un nuovo Mose’, annuncia la Terra Promessa. Vengono alla mente le parole di Indro Montanelli, che nel 1969 scriveva:

Di Scalfari non ho un’opinione precisa. C’è in lui un pizzico di Baldacci, un pizzico di Bel-Ami, e perfino un pizzico di Ramperti. So che ha fatto parecchi soldi. La sua ambizione è sfrenata e scoperta. Ma vuole arrivare a qualcosa, o vuole fuggire da qualcosa? Nella sua frenesia c’è del patologico. Le sue polemiche (come questa con me) sono quasi sempre gratuite. Questo nemico di tutti è soprattutto nemico di se stesso, animato da un irresistibile cupio dissolvi.

P.S. Bersani e Franceschini continuano a seguire il Profeta e la classe dirigente del PD è allo sbando. Intanto il Bananiero Capo s’improvvisa Grande Dittatore, l’ONU continua a richiamare la Repubblica delle Banane sui diritti umani e la stampa internazionale, unanimemente, chiede le dimissioni di Silvio Berlusconi. L’unica speranza che resta al PD e alla Repubblica (quella di tutti) è Ignazio Marino, che pochi giorni fa’ ha detto quello che tutti pensano:

“Questi dirigenti saranno spazzati via dalla storia perché il mondo è cambiato, non è più quello del secolo passato. E credo quindi che sarebbe molto più utile che tutti se ne facessero una ragione e cercassero di favorire il nuovo”

Un’altra verità che tutti pensano Marino l’ha detta nell’intervista rilasciata al blog di Alessandro Gilioli, Piovono Rane:

Dice D’Alema che lei perderà e tornerà a fare il chirurgo.

«Io almeno, se dovessi smettere di fare politica, un mestiere ce l’ho. Di D’Alema non si può dire altrettanto. E nemmeno di Bersani e Franceschini».

Il 25 ottobre andiamo tutti a votare alle primarie del PD e votiamo per Ignazio Marino e per un Partito davvero Democratico. E’ tempo che quella casta “pelandrona e inconcludente”, come l’ha chiamata Giorgio Bocca, si trovi un altro mestiere.