La Guerra Santa(nchè) e la maggioranza silenziata

9 novembre 2009

Guerra santa

Sara’ bene liberare subito il campo dagli equivoci: le reazioni isteriche e violente contro la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sul crocifisso nelle scuole provengono da una minoranza di fondamentalisti che vuole scatenare una guerra santa, ancora una crociata nel nome di Cristo. Ha ragione don Paolo Farinella quando scrive che quel Cristo, se potesse, prenderebbe a calci questa

“nuova “Compagnia di Gesù” fatta di corrotti, di corruttori, di ladri, di evasori, di mafiosi, di alti prelati còrrei di blasfemìa e di indecenza, di atei opportunisti, di cultori di valori e radic(ch)i(o) cristiani … chi prepara la croce, chi la fune, chi i chiodi, chi le spine, chi l’aceto … e i sommi sacerdoti a fare spettacolo ad applaudire.”

Ecco allora lo spettacolo immondo di Daniela Santanchè, da tempo ormai impegnata nella sua crociata contro gli infedeli, esibire odio e stupidita’ e insultare Maometto, apostrofandolo “pedofilo”. Se a questa signora sta a cuore questo problema – la pedofilia – potrebbe occuparsi della pedofilia clericale, un problema di dimensioni gigantesche all’interno della Chiesa Cattolica, problema ignorato disgraziatamente dai mezzi d’informazione italiani ma non dai media internazionali e denunciato anche in sede ONU.

Ecco allora un altro sepolcro imbiancato, il sottosegretario Giovanardi, gettare aceto sul corpo del giovane Stefano Cucchi, un altro povero Cristo assassinato da quello Stato che appende il crocifisso nelle scuole, nelle carceri e nei tribunali. Non e’ stato forse Mussolini ad iniziare questo rito feticista? Ma Giovanardi ha motivi piu’ personali per gettare quell’aceto: quella vergognosa legge proibizionista, liberticida e infame sulle droghe – la responsabile prima della morte di Stefano Cucchi – porta infatti il nome Fini-Giovanardi.

Grazie ai mezzi d’informazione – che sarebbe meglio chiamare mezzi di propaganda – quella minoranza ottusa, violenta e opportunista viene presentata come maggioranza nel paese. Ma non tutti i cristiani e nemmeno tutti i cattolici sono d’accordo con il Vaticano e i crociati del crocifisso; le confessioni cristiane protestanti per esempio hanno accolto favorevolmente la sentenza della Corte Europea; e cosi’ pure molti credenti cattolici, dalle comunita’ cristiane di base a molti preti che testimoniano la loro fede senza gli ori e la simonia d’Oltretevere. Don Franco Barbero, rispondendo a un lettore del suo blog, non usa mezzi termini:

“La tragedia non sta tanto nei vari Bossi che pensano solo a fare bottega, ma nella prostituzione vaticana al potere razzista del governo italiano. Le gerarchie cattoliche continuano il loro mestiere: emarginare il Vangelo e cancellare la prassi storica di Gesù di Nazaret. Ormai il linguaggio ecclesiastico è diventato una retorica religiosa che viene usata per nascondere le sordide alleanze,  i privilegi, i soprusi. Si abusa del nome stesso di Dio e di Gesù per gli  interessi  dell’azienda cattolica.”

Sicuramente moltissimi cittadini italiani (dai sondaggi (*) online si direbbe la maggioranza) sono d’accordo con quella sentenza. La classe politica e i media non riflettono affatto il paese, l’opinione pubblica della Repubblica e questo gap, che diventa ogni giorno di piu’ un baratro, rappresenta il vero problema italiano.

I cittadini che si riconoscono nei principi di civilta’ riaffermati dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo non sono minoranza ne’ maggioranza silenziosa; siamo invece la maggioranza silenziata, silenziata da queste orde di barbari che occupano le istituzioni repubblicane, mezzi d’informazione inclusi. Prendere coscienza di questa realtà è il primo passo per riappropriarci della Repubblica.

(*) Sondaggi: Il Corriere della Sera ha pubblicato un sondaggio condotto da Renato Mannheimer: l’84% degli italiani sarebbe favorevole all’esposizione dei crocifissi nelle scuole. Il sondaggio riporta dati molto differenti da quelli raccolti dai principali quotidiani italiani online; e’ vero che quei sondaggi online non hanno il valore scientifico di un sondaggio condotto con i metodi della statistica e tuttavia la differenza tra i risultati raccolti online e il sondaggio di Mannheimer sembrano troppo distanti. Forse che i sondaggi online sono iniziati subito dopo la sentenza della Corte Europea mentre il sondaggio di Mannheimer e’ stato fatto dopo che giornali e televisione hanno potuto bombardare per alcuni giorni gli italiani con la propaganda sul crocifisso? Forse che gli italiani sono stati convinti da giornali e TV che la Corte Europea vuole abolire la religione in Italia? Forse chi vota online e’ piu’ informato e ha meno possibilita’ di cadere vittima della disinformazione da parte di stampa e TV e vota con piu’ convinzione essendo tutelato l’anonimato? Che ne pensate?

 

Sullo stesso tema:

Oltre l’indecenza: Claudio Magris e il crocifisso

Il crocifisso, Berlusconi e le menzogne dell’Italietta nostalgica

Crocifissi, ladroni e mercanti del tempio

“possono morire”

Titanic. Il crocifisso, il “buonsenso” di Bersani e lo scontro tra tradizioni inconciliabili

Guerra Santa

Annunci

Il crocifisso, Berlusconi e le menzogne dell’Italietta nostalgica

6 novembre 2009
berlusconi-pinocchio

le virtu' cristiane di Berlusconi sono note

A proposito della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, il Presidente del Consiglio dei ministri Silvio Berlusconi ha oggi dichiarato: “Non è una sentenza coercitiva, non c’è nessuna possibilità di coercizione che ci impedisca di tenere i crocefissi nelle aule”; aggiungendo che qualunque sia l’esito del ricorso che il governo ha deciso di presentare “non ci sara’ capacita’ coercitiva”.

A meno che non si intenda far uscire l’Italia dal Consiglio d’Europa e dalla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali, questa di Berlusconi-Pinocchio è un’altra menzogna che vergognosamente viene pronunciata da un bugiardo professionista con la complicita’ dei mezzi d’informazione; questi credono infatti che il loro compito sia quello di servire il duce, offrendogli il palcoscenico per dire tutte le menzogne e le assurdita’ che a quel duce garbano. Anche in questo risiede il tradimento dei giornalisti e dei media, responsabili del degrado del paese.

Aspettando il ricorso del governo italiano – che servira’ solo a sputtanare ancora di piu’ il Belpaese – e la decisione della Corte Europea su quel ricorso, diamo un’occhiata alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali:

Articolo 46 – Forza vincolante ed esecuzione delle sentenze
1 Le Alte Parti contraenti si impegnano a conformarsi alle sentenze definitive della Corte sulle controversie nelle quali sono parti.
2 La sentenza definitiva della Corte è trasmessa al Comitato dei Ministri che ne sorveglia l’esecuzione.

Sul sito ufficiale del Consiglio d’Europa, alla pagina dedicata alle domande frequenti sull’esecuzione delle sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, inoltre si legge:

Se le corti o qualsiasi altra autorita’ nazionale rilevante omette di prendere le misure necessarie, la responsabilita’ dello Stato e’ in gioco e altre autorita’ domestiche potrebbero dover intervenire per raggiungere i risultati aspettati: mentre lo Stato è infatti libero, entro certi limiti, di scegliere i mezzi di esecuzione esso e’ legalmente obbligato di conseguire il risultato richiesto.

Ancora una volta il capo del governo italiano mente spudoratamente, offendendo la dignita’ dell’Italia in un contesto, quello del Consiglio d’Europa e della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che – a differenza delle idiozie che si sono lette in questi giorni, anche sulla scandalosa stampa “colta” – è non solo un contesto fondamentale in ambito europeo ma rappresenta la vetta di quella civiltà dei diritti raggiunta a caro prezzo. Considerando il dono nefasto che l’Italia ha offerto al mondo, il Fascismo, il nostro paese dovrebbe essere il primo a mostrare rispetto per quella Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali; era il 4 novembre del 1950 – il bagno di sangue della Seconda Guerra mondiale appena concluso – quando proprio a Roma si firmo’ quella Convenzione.

Con le solite eccezioni che confermano la regola, la classe dirigente del paese – quella di destra, di sinistra e di centro – ancora una volta sta dando uno spettacolo disgustoso, indegno, che getta vergogna sull’Italia e i suoi cittadini. Il disprezzo per le istituzioni e il diritto internazionale, le farneticanti parole di ministri e parlamentari, le idiozie espresse da giornalisti e commentatori sulla stampa “colta”, davvero danno la misura del grado d’incivilta’ in questo disgraziatissimo paese. No, non è Fascismo, le repliche della storia sono sempre diverse. Questa volta infatti gli oppositori al regime (almeno quelli istituzionali e rappresentativi) sono ancora meno numerosi di quanto avvenne nel secolo scorso; ergo, quando il regime crollera’ – “quando” e non “se”; e’ solo questione di tempo e di come, ma il suo crollo e’ inevitabile – il tonfo sara’ ancora piu’ rumoroso e drammatico.

Se i cittadini volessero individuare i responsabili di questo crollo annunciato, dovrebbero solo guardare nello specchio.

Sullo stesso tema:

Crocifissi, ladroni e mercanti del tempio

“possono morire”

Titanic. Il crocifisso, il “buonsenso” di Bersani e lo scontro tra tradizioni inconciliabili

Guerra Santa


Ora di religione

11 agosto 2009

Paola Binetti è furiosa. Il Tar (tribunale amministrativo regionale) del Lazio ha infatti stabilito che

“l’attribuzione di un credito formativo ad una scelta di carattere religioso degli studenti e dei loro genitori, quale quella di avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche, dà luogo ad una precisa forma di discriminazione, dato che lo Stato Italiano non assicura identicamente la possibilità per tutti i cittadini di conseguire un credito formativo nelle proprie confessioni ovvero per chi dichiara di non professare alcuna religione in Etica Morale Pubblica”.

Il Tar precisa:

“sul piano giuridico, un insegnamento di carattere etico e religioso, strettamente attinente alla fede individuale, non può assolutamente essere oggetto di una valutazione sul piano del profitto scolastico”

Ma nell’Italia del Papa Re, dove la laicità viene derogatoriamente chiamata “laicismo”, anche un’ovvietà come questa sarà oggetto dei crociati al ritorno dalle vacanze; prepariamoci fin d’ora ai salotti televisivi con i miracoli di Padre Pio, i monsignori in pompa magna e i ciambellani di corte che vanno alla guerra contro l’Italia dei degenerati, degli eretici, delle donne assassine, dove qualche giudice osa perfino appellarsi alla Corte Costituzionale in tema di matrimonio tra persone dello stesso sesso. Chissa’ se agli studenti dell’ora di religione viene insegnata la storia della Chiesa Cattolica, i fiumi di sangue che sono stati versati in nome di quel dio, la maledettissima Santa Inquisizione, le torture, i roghi, le violenze indicibili, il terrore con cui questa chiesa esigeva obbedienza. Poveri studenti italiani, esposti all’indottrinamento della superstizione dalla scuola pubblica ma non a Darwin e alla scienza; chissa’ se sanno quanto ci costa la Chiesa Cattolica.

AGGIORNAMENTO 12 agosto 2009

La CEI (conferenza episcopale italiana, una sorta di governo ombra della Repubblica Italiana a sovranità limitata e sorvegliata) non ha preso bene la sentenza del TAR e sia la Repubblica sia il Corsera mettono la notizia in prima pagina online:

Corriere – Prof religione , la Cei critica il Tar: sentenza vergognosa

Repubblica – Dalla Cei attacco al Tar “Non toccare l’ora di religione”

Continua il clericalismo dei media italiani, sempre ispirati dallo spirito santo che si trasforma in verbo, ma anche in soggetto e predicato. Perché il giornalismo italiano – a differenza del miglior giornalismo occidentale – ritiene di dover dare sempre e comunque uno spazio preminente e straordinario alla chiesa cattolica, ai monsignori, al papa re, alle posizioni clericali dei politici italiani ma nulla o quasi e’ detto o scritto sulle altre posizioni religiose, etiche, filosofiche e politiche? Perché i media e i giornalisti italiani, con rare eccezioni, non sono in gardo di praticare quel giornalismo laico che è di casa nelle altre democrazie liberal-democratiche?

Cosa dire poi di quegli esponenti clericali che si esprimono in termini eversivi? Gasparri: “Deriva anticattolica”. Volonté: “Magistratura fuori legge”. Monsignor Diego Coletti, presidente della Commissione episcopale per l’educazione cattolica: “Alimenta diffidenza verso magistrati. Motivazioni da bieco illuminismo”.

Mi chiedo, ma esiste piú la Repubblica italiana?