Il PD (QUASI) al completo al No Berlusconi Day

4 dicembre 2009

il cartello per il No B Day del Senatore Ignazio Marino

Rosy Bindi, Presidente del Partito Democratico sarà domani al No Berlusconi Day:

Ho risolto il mio conflitto di interessi. Ci saranno tanti elettori e aderenti del Pd e da presidente devo rappresentare anche loro. Devono sentirsi a casa loro nella piazza e nel Pd”.

Brava Presidente!

Il senatore del PD, Ignazio Marino, oggi ha dichiarato:

Da quando esiste, il Governo Berlusconi non ha fatto altro che tentare di smantellare i principi di unità, di solidarietà, di uguaglianza che sono alla base della convivenza di un paese democratico. Non è una sorpresa se dico che attraversiamo una vera emergenza nazionale in cui sono messi in discussione capisaldi come la supremazia della Costituzione, l’uguaglianza dei cittadini di fronte ala legge, la laicità dello Stato, basti pensare alle crociate della destra contro la RU486 e contro il testamento biologico, per impedire la libertà di scegliere.

Di fronte a questa situazione non è solo giusto protestare, è un dovere!

E’ invece sbagliato sminuire la portata della protesta e non ascoltare un popolo che non vuole accettare l’indifferenza, che possiede la grandisssima forza dettata dalla spontaneità e dalla convinzione nelle idee.

Come sapete io ho aderito fin dall’inizio al No B Day perché sono molto preoccupato per la democrazia e per il mio Paese. Noi in piazza ci saremo perché vogliamo sentirci liberi di dire No a Berlsusconi e Si all’alternativa.

Marino da’ appuntamento per domani: Per percorrere assieme il corteo di domani verso piazza San Giovanni, l’appuntamento è alle 13.30 davanti alla Chiesa di Santa Maria degli Angeli in Piazza Esedra a Roma. Io ci sono!

Tra i dirigenti del PD domani al No Berlusconi Day: Rosy Bondi (Presidente PD), Ivan Scalfarotto (vicepresidente PD), Dario Franceschini, Walter Veltroni, Giovanna Melandri, Vincenzo Vita, Ignazio Marino, Debora Serracchiani, Furio Colombo, Giuseppe Civati, Ermete Realacci e molti altri.

Su Facebook la pagina quelli del Pd che il 5 Dicembre ci saranno. Piu’ informazioni sul No Berlusconi Day QUI e QUI.

Il segretario Bersani guarderà sicuramente la manifestazione alla TV, insieme a molti altri dirigenti che ora disdegnano quella piazza che solo poche settimane fa’ hanno chiamato a raccolta alle primarie.


Il PD, il No Berlusconi Day e il principio di non contraddizione

3 dicembre 2009

A proposito del principio di non contraddizione di cui scrivevo ieri: il PD e i suoi dirigenti possono incamminarsi, come sembra stiano gia’ facendo, sulla strada delle riforme istituzionali, accordandosi con la maggioranza e con chi oggi quella maggioranza guida, cioe’ Silvio Berlusconi; oppure, il PD e i suoi dirigenti possono partecipare al No Berlusconi Day di sabato 5 dicembre, che ha come titolo “Una manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni di Berlusconi”. Quello che non è possibile – da un punto di vista logico, prima ancora che politico – è, per il PD e per i suoi dirigenti, fare entrambe le cose, cioe’ mettersi d’accordo con la maggioranza di Berluconi a proposito delle riforme e contemporaneamente partecipare alla manifestazione che chiede le dimissioni di Berlusconi.

Invece, ancora una volta, sembra che nel nostro disgraziato paese il principio di non contraddizione venga calpestato; non da Bersani che ha detto – coerentemente con le sue scelte politiche – che il PD (come tale) e lui (come segretario) non partecipera’ alla manifestazione; non da Di Pietro, che – anche lui coerentemente – ha da subito aderito al No Berlusconi Day e ora si oppone a quello che lui chiama “inciucio”, cioe’ agli accordi sulle riforme con questa maggioranza di governo guidata da Berlusconi. Il problema – ed e’ un problema importante, di coerenza politica – si presenta per tutti coloro che parteciperanno al No Berlusconi Day mentre – allo stesso tempo e sfidando la logica – lavorano anche dentro le istituzioni per portare avanti questo progetto di dialogo in vista di un accordo sulle riforme: come si puo’ scendere in piazza per chiedere le dimissioni di Berlusconi quando in Parlamento si lavora per fare quelle riforme con Berlusconi? Insomma, le due cose sono entrambe legittime e pero’ l’una esclude l’altra.

Ci sarebbe molto da dire su un Parlamento di nominati (e non di eletti) che si appresta a mettere mano alla Costituzione repubblicana nel momento piu’ tragico di quella Repubblica, sotto gli attacchi che a quella Costituzione vengono sferrati da una parte politica per difendere chi quella parte politica guida dal legittimo lavoro della magistratura, terzo potere, autonomo e distinto, dello Stato, come troppo spesso si dimentica. In queste condizioni, ne potrebbe uscire solo il mostro di Frankesntein.

Ecco quindi che c’e’ un problema di coerenza politica per tutti quei dirigenti e parlamentari del PD che hanno aderito alla manifestazione del 5 dicembre ma che, allo stesso tempo, seguendo la linea politica del loro partito, lavorano in queste ore per il dialogo con Berlusconi in vista di un accordo sulle riforme istituzionali.

Dario Franceschini, Walter Veltroni, Giovanna Melandri, Vincenzo Vita, Ignazio Marino, Ivan Scalfarotto, Debora Serracchiani, Furio Colombo, Giuseppe Civati, Ermete Realacci e molti altri dirigenti del PD – insieme a moltissimi iscritti, simpatizzanti ed elettori (compreso chi scrive questo articolo) – parteciperanno al No Berluconi Day per chiedere le dimissioni di Berlusconi. Io credo facciano benissimo, vista l’agonia della Repubblica. E tuttavia, il principio di non contraddizione vuole che si faccia chiarezza.

L’ho gia’ scritto molte volte su questo blog, Silvio Berlusconi non è la patologia all’interno di un sistema sano; Berlusconi rappresenta la fisiologia di un sistema in cangrena da decenni. Un sistema di potere chiuso, asfittico, immobile, corrotto, autoreferenziale, omertoso, ignorante, isolato dal resto del mondo, proietatto verso il passato, contrario a qualsiasi riforma. Un sistema familistico e tribale che rifiuta il diritto di cittadinanza, la competizione, la meritocrazia, la legalità e dove il nome di famiglia e l’appartenenza al clan sono la valuta accettata nelle universita’, negli ospedali, nelle redazioni dei giornali, in televisione, nello spettacolo, nell’industria e nella finanza. C’è chi vorrebbe addossare a Berlusconi la responsabilità di tutto questo, la personificazione del male. E’ tipico delle società primitive semplificare, deformare, mitizzare la realtà, imprigionarla e nasconderla agli occhi profani con l’aiuto di dei e demoni. Ora l’uomo forte a cui affidarsi, il duce, l’unto dal Signore; ora il capro espiatorio da sgozzare e sacrificare agli dei.

E tuttavia credo la manifestazione del 5 dicembre sia non solo utile ma necessaria; la Repubblica rischia ogni giorno di caderci addosso e seppellirci sotto un regime autoritario, ormai pronto in tutto meno che nella forma. In questo quadro, che in troppi stanno sottovalutando, i promotori del No Berlusconi Day vanno ringraziati per avere alzato la guardia quando quella guardia dev’essere alzata da tutti coloro che vogliono difendere quel poco che ci resta di democrazia, libertà e decenza.


Nuvoloni si addensano sull’Europa. Aspettando la tempesta

13 settembre 2009

bossi

Umberto Bossi: “Noi però abbiamo un progetto più complesso del federalismo, vogliamo un cambiamento epocale, non ci accontentiamo del federalismo (…) [la Padania] sarà libera con le buone o con le meno buone. La libertà è un diritto, e quindi è un diritto ottenerla in tutti i modi. Siamo qui a Venezia perché sappiamo che un giorno la Padania sarà uno Stato libero, indipendente e sovrano.”

Nuvoloni piu’ che nuvole. Pronti a trasformarsi in uragani e tempeste. In Italia, il führer della Lega, movimento apertamente separatista e xenofobo, e ministro del governo della Repubblica, Umberto Bossi ha minacciato la crisi di governo e dichiarato:

“Fortunatamente la Lega è molto forte in Parlamento e sono costretti a seguirci tutti. E anche i nostri alleati devono dire sì perchè, se la Lega non dà i voti ai grandi progetti, non li avrebbero per andare avanti. E allora sì, che si andrebbe a votare. Ma noi non vogliamo andare a votare, vogliamo le riforme”.

Le “riforme” della Lega le leggevamo proprio oggi sul blog l’Antefatto; un interessantissimo P.S. ad un articolo dell’ottimo Oliviero Beha, La militarizzazione delle news:

P.S. Nel frattempo mi segnalano che il figlio di Bossi, non “delfino” ma “trota” secondo il padre, è stato nominato membro del consiglio di direzione dell’ ”Osservatorio sulla trasparenza e l’efficacia del sistema fieristico lombardo”, un baraccone inutile ideato dalla stessa Lega. Stipendio: 12.000 euro al mese. Dieci volte lo stipendio degli insegnanti che lo hanno bocciato. Tre volte. Alla maturità. Eh sì, è decisamente una questione “culturale”, oltre che politica e informativa…

Ma andiamo avanti e seguiamo le dichiarazioni del ministro separatista (solo in Italia!) Bossi. Replicando al Presidente della Camera Fini che proponeva un approccio razionale al problema dell’immigrazione in una societa’ libera e democratica, Bossi ha detto:

“A casa loro, sì, dove sono cittadini – aveva detto il leader della Lega, interpellato dai giornalisti prima di un comizio a Ferrara – qui sono i nostri che hanno i diritti. Qui nessuno va a dire ad altri di comandare a casa sua. Io non sono d’accordo che si dia il voto agli immigrati”.

Vale forse la pena ricordare che il Presidente emerito Ciampi avvertiva qualche giorno fa’, “vero scopo della Lega e’ la secessione”.

Altre nuvole torbide e minacciose arrivano dalla Lituania. Amnesty International denuncia: Lituania: il parlamento verso la criminalizzazione dell’omosessualità. Anche qui vale la pena ricordare che la Lituania e’ paese membro dell’Unione Europea. Ne hanno scritto anche Francesco Costa e Ivan Scalfarotto.

Aspettando il temporale sara’ una buona idea prepararsi e cercare di limitare i danni. Una nuova classe dirigente, competente, disinteressata, laica e capace di raccogliere la fiducia dei cittadini e ascoltarne le richieste, riconoscere i diritti civili di ognuno e con il coraggio della ragione per difendere le istituzioni democratiche, laiche, liberali della Repubblica.

Puo’ il Partito Democratico dare al paese questa classe dirigente? C’e’ piu’ di una buona ragione per dubitarne seriamente. A nostro parere la mozione di Ignazio Marino merita di essere sostenuta con coraggio anche da coloro che non hanno mai pensato di avvicinarsi al Partito Democratico fin’ora. Senza illusioni ma con la convinzione di dare voce ai tanti cittadini che vogliono vivere in una Repubblica laica, indipendente dalle inerferenze politiche d’Oltre Tevere e piu’ giusta e solidale.

Continuiamo a chiedere a Bersani e Franceschini di accettare un confronto aperto e democratico con tuti e tre i candidati alla segreteria.