Eugenio Scalfari s’incorona imperatore

18 ottobre 2009

sondaggio: dare in omaggio un'abbonamento al quotidiano la Repubblica a chi prende la tessera del PD oppure dare in omaggio la tessera del PD a chi sottoscrive l'abbonamento a Repubblica?

Dopo aver bombardato per mesi i cittadini italiani con i dettagli voyeristici di una campagna focalizzata sulla camera da letto del nostro Bananiero Capo, il giornalista Eugenio Scalfari ha invitato i cittadini a scendere in piazza per difendere la libertà di stampa. Quando poi i cittadini sono finalmente scesi in piazza, il capopopolo Scalfari si è messo alla testa di quella piazza. Dopo la piazza, forse afflitto da una crisi di astinenza ora che si era abituato a stare al centro dell’attenzione mediatica, il fondatore di Repubblica ha indossato la corazza del generale per attaccare ripetutamente e volgarmente il Corriere della Sera e il suo direttore, Ferruccio de Bortoli. In quella che per ora sembra solo una tregua, il generale Scalfari ha smesso la corazza per indossare la tunica del profeta e, dalla TV pubblica, indicare al Partito Democratico la Terra Promessa.

Oggi sul giornale-partito la Repubblica, il giornalista, il capopopolo, il generale e il profeta s’incorona imperatore e con il suo inconfondibile stile, scrive a proposito del c.d. Lodo Scalfari:

La mia proposta, forse proprio perché veniva da persona esterna al partito, ha avuto successo: l’impegno è stato preso sia da Bersani che da Franceschini. Esso darà maggior sicurezza e maggiore impulso a tutti quelli che si dispongono a votare il 25 ottobre.

Ignazio Marino, il terzo candidato alla guida del PD, non ha accettato affatto la “proposta” di Scalfari e anche all’interno degli altri due schieramenti del partito democratico ci sono stati e ancora continuano malumori, distinguo e dissensi. Ma l’imperatore Scalfari, con un tratto di penna, cancella la verità, omette nuovamente di nominare Marino (che evidentemente odia), canta le lodi a sé stesso e come Napoleone s’incorona imperatore.

Gia’ qualche giorno fa’, a proposito del profeta Scalfari, riportavamo quello che Indro Montanelli scriveva nel 1969:

Di Scalfari non ho un’opinione precisa. C’è in lui un pizzico di Baldacci, un pizzico di Bel-Ami, e perfino un pizzico di Ramperti. So che ha fatto parecchi soldi. La sua ambizione è sfrenata e scoperta. Ma vuole arrivare a qualcosa, o vuole fuggire da qualcosa? Nella sua frenesia c’è del patologico. Le sue polemiche (come questa con me) sono quasi sempre gratuite. Questo nemico di tutti è soprattutto nemico di se stesso, animato da un irresistibile cupio dissolvi.

Ma il commento di Scalfari di oggi su Repubblica contiene anche dei passaggi divertenti. Per esempio, scrive: “Ma ormai gran parte dei salotti televisivi sono diventati dei “saloon” dove tutti i clienti portano le pistole nella fondina e il coltello nascosto nel risvolto degli stivali. Così va il mondo.” Eh si, cosi’ va il mondo, lo abbiamo visto quando il profeta Scalfari ha cucinato e servito quella polpetta avvelenata dal “saloon” di Serena Dandini sulla TV pubblica.

La fiera scalfariana delle ipocrisie viene celebrata dall’autore con magnifici fuochi d’artificio; appena prima di incoronarsi imperatore, il giornalista, il capopopolo, il generale, il profeta si spoglia delle corazze e delle tuniche e ricorda ai sudditi di essere soltanto un giornalista:

Io non sono un iscritto al Pd e mai mi iscriverò perché faccio un altro mestiere incompatibile con una tessera di partito.

Sembra di leggere le Res Gestae Divi Augusti di Ottaviano. E’ probabile che l’uomo creda in quello che scrive; noi ne siamo convinti. Ma la buona fede in questo caso rischia di essere la peggiore delle aggravanti.

P.S. A proposito di Dario Franceschini e le sue denunce sul conflitto d’interessi, si leggeva sui giornali qualche giorno fa’: “E siccome i congressi servono per ammettere le responsabilità – ha aggiunto Franceschini – noi dobbiamo riconoscere di avere una grave responsabilità di non aver fatto una legge sul conflitto d’interessi quando andava fatta dal 1996 al 2001.” Durante il dibattito su YouDem tra i tre candidati alla segreteria del PD, Dario Franceschini e’ tornato a denunciare gli errori del centro-sinistra per non aver legiferato sul conflitto d’interessi, poi, quasi a fine dibattito, ha ricordato che lui non c’entra con quegli errori perche’ al tempo non era parlamentare. Infatti in quegli anni Franceschini era al governo del paese, come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel secondo Governo D’Alema, poi riconfermato nel successivo governo Amato.


Il Profeta Scalfari e la Terra Promessa del Partito Democratico

15 ottobre 2009

profeta

In una tregua nella guerra con il Corriere della Sera e il suo direttore, Ferruccio de Bortoli, Eugenio Scalfari – ospite di Serena Dandini sulla TV pubblica – non resiste e, smessa la corazza del generale veste la tunica del profeta per indicare al Partito Democratico la strada verso la Terra Promessa. Il Profeta Scalfari sa come attraversare il Mar Rosso delle regole con cui si sta scegliendo il nuovo segretario del PD: Vi salverete se mi seguirete, è la profezia del Profeta. Dimenticate le regole, voi poveri mortali, e la prima regola in particolare, cioe’ le regole non si cambiano a giochi iniziati; il Profeta è sopra la legge, sopra le regole, sopra i mortali. Al Profeta è Dio che parla e quando fa profezie, quella e’ la volonta’ di Dio.

Le regole per scegliere il nuovo segretario del PD sono troppo complesse? Non c’e’ problema, dice il Profeta, sbarazziamocene ed eleggiamo il nuovo segretaro del PD come al Profeta Scalfari piace, che la Terra Promessa lui sa dov’è. Ignazio Marino, da quel “laicista” che è – lo sappiamo tutti – ha rifiutato la profezia, preferendo la ragione e la democrazia.

Le reazioni non sono mancate, la Rete ne parla ma purtroppo l’Italia ha sempre preferito i profeti alla ragione e la cultura nazionale, quando non e’ ispirata direttamente dalla metafisica, risente pesantemente delle differenti forme di storicismo e dei mostri che quello storicismo ha prodotto; non a caso, la nostra intellighenzia “laica” ignora o detesta uno dei maestri del liberalismo moderno, Karl Popper e il suo lavoro, a cominciare da La societa’ aperta e i suoi nemici.

Il Partito Democratico, guidato da una classe dirigente che si fa notare solo per la sua ignavia politica e inadeguatezza culturale, sembra ora alle prese con il “caso Binetti”, un’utile capro espiatorio per nascondere le vergogne del partito; ma lo sanno tutti, Paola Binetti non è il problema.

Tra quelle vergogne del PD c’e’ anche quella di essersi lasciato imporre la sua linea e azione politica dal partito-quotidiano la Repubblica, che ha monopolizzato l’attenzione del dibattito pubblico e politico della Repubblica (quella di tutti) per mesi e mesi sulla camera da letto del Bananiero Capo, fino alla guerra che il Profeta-Generale Scalfari ha dichiarato al suo diretto concorrente, il Corriere della Sera.

Ora il Profeta appare sugli schermi della TV pubblica e, come un nuovo Mose’, annuncia la Terra Promessa. Vengono alla mente le parole di Indro Montanelli, che nel 1969 scriveva:

Di Scalfari non ho un’opinione precisa. C’è in lui un pizzico di Baldacci, un pizzico di Bel-Ami, e perfino un pizzico di Ramperti. So che ha fatto parecchi soldi. La sua ambizione è sfrenata e scoperta. Ma vuole arrivare a qualcosa, o vuole fuggire da qualcosa? Nella sua frenesia c’è del patologico. Le sue polemiche (come questa con me) sono quasi sempre gratuite. Questo nemico di tutti è soprattutto nemico di se stesso, animato da un irresistibile cupio dissolvi.

P.S. Bersani e Franceschini continuano a seguire il Profeta e la classe dirigente del PD è allo sbando. Intanto il Bananiero Capo s’improvvisa Grande Dittatore, l’ONU continua a richiamare la Repubblica delle Banane sui diritti umani e la stampa internazionale, unanimemente, chiede le dimissioni di Silvio Berlusconi. L’unica speranza che resta al PD e alla Repubblica (quella di tutti) è Ignazio Marino, che pochi giorni fa’ ha detto quello che tutti pensano:

“Questi dirigenti saranno spazzati via dalla storia perché il mondo è cambiato, non è più quello del secolo passato. E credo quindi che sarebbe molto più utile che tutti se ne facessero una ragione e cercassero di favorire il nuovo”

Un’altra verità che tutti pensano Marino l’ha detta nell’intervista rilasciata al blog di Alessandro Gilioli, Piovono Rane:

Dice D’Alema che lei perderà e tornerà a fare il chirurgo.

«Io almeno, se dovessi smettere di fare politica, un mestiere ce l’ho. Di D’Alema non si può dire altrettanto. E nemmeno di Bersani e Franceschini».

Il 25 ottobre andiamo tutti a votare alle primarie del PD e votiamo per Ignazio Marino e per un Partito davvero Democratico. E’ tempo che quella casta “pelandrona e inconcludente”, come l’ha chiamata Giorgio Bocca, si trovi un altro mestiere.


Scalfari – de Bortoli: un altro episodio della saga avvelenata

14 ottobre 2009

Come vi promettevamo ieri, la saga avvelenata di Scalfari e de Bortoli si arricchisce oggi di un nuovo episodio; una nuova risposta del direttore del Corriere della Sera a Eugenio Scalfari. De Bortoli si toglie piu’ d’un sassolino dalle scarpe. Per gli appassionati del genere, potete rileggere le puntate precedenti qui.

Intanto la saga si arricchisce di particolari sempre piu’ avvelenati. Sembra una soap-opera all’amatriciana, uno spettacolo da crepuscolo della Repubblica.

P.S. Sembra che a Eugenio Scalfari non bastino piu’ ne’ il partito-Repubblica ne’ gli attacchi al Corriere della Sera e al suo direttore; ora vuole decidere perfino delle sorti del Partito Democratico. Forse non è solo il Bananiero Capo a soffrire della sindrome di Napoleone. Su questo argomento leggi Il Profeta Scalfari e la Terra Promessa del Partito Democratico


Scalfari – de Bortoli: la saga avvelenata continua

13 ottobre 2009
il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli

il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli

Riassunto delle puntate precedenti

10 ottobre: Rispondendo alle critiche del capo del governo Silvio Berlusconi, che aveva attaccato il Corriere della Sera, il direttore Ferruccio de Bortoli critica il gruppo editoriale Repubblica-L’Espresso e la manifestazione sulla libertà di stampa del 3 ottobre:

“Il Corriere non veste alcuna divisa e non indossa nessun elmetto. Si è ben guardato, in questi mesi, dall’assecondare la campagna scatenata contro il premier, con vasta eco all’estero, dai suoi nemici, politici ed editoriali, e da tutti quelli che hanno ridotto l’opposizione allo sguardo insistito nella sua vita privata. Dimenticando tutto il resto. (…) Sbaglierò, ma non ho mai pensato minimamente che per difendere la mia libertà d’espressione fosse necessario scendere in piazza.”

11 ottobre: Eugenio Scalfari risponde a de Bortoli con un editoriale stizzito su Repubblica:

Sono amico di Ferruccio De Bortoli anche se spesso in questi ultimi mesi ho dissentito dalla sua linea giornalistica. Ma in casa propria ciascuno decide liberamente a quale lampione e con quale corda impiccarsi. L’articolo di ieri va però assai al di là del prevedibile.

il fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari

il fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari

Dopo aver rivendicato la patente di liberalismo – “Noi siamo liberali, caro Ferruccio. Liberali veri” – il fondatore di Repubblica parte alla carica contro il Corriere e il suo direttore, ricordando l’esperienza vergognosa di quel giornale agli albori del Fascismo e trovando anche lo spazio per una critica impietosa contro Indro Montanelli:

Ad Indro Montanelli è accaduto altrettanto, ma lui almeno se n’è accorto prima. Difese per vent’anni dalle colonne del “Giornale” le ragioni del Berlusconi imprenditore d’assalto. Si accorse nel 1994 di quale pasta fosse fatto il suo editore e lo lasciò con una drammatica rottura. Ma era tardi anche per lui. Se c’è un aldilà, la sua pena sarà quella di vedere Vittorio Feltri alla guida del giornale da lui fondato. Al “Corriere della Sera” quest’esperienza d’un giornalista di razza al quale dedicano un santino al giorno dovrebbero farla propria per capire qual è il gusto e il valore della libertà liberale.

La “libertà liberale” è tipica di chi crede nel liberalismo delle patenti e degli aggettivi e Scalfari si è sempre distinto per questa mania di dare lezioni di liberalismo, piu’ a parole che nei fatti.

12 ottobre: il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, risponde a Eugenio Scalfari e Marco Travaglio (anche Travaglio aveva criticato de Bortoli sul nuovo quotidiano il Fatto):

E veniamo all’editoriale di Eugenio Scalfari sulla Repubblica che ho trovato ingiusto e insultante. Mi dispiace molto. Scalfari ha letto la mia risposta di venerdì alle accuse del premier, manipolando le mie parole a suo uso e consumo. Lo considero profondamente scorretto. Il paradosso di tutta questa vicenda è che Repubblica ha fatto la sua campagna contro il premier con le notizie pubblicate… dal Corriere . Scalfari tenta di delegittimarmi moralmente perché non abbiamo seguito il suo giornale, querelato dal premier, e non siamo scesi in piazza sotto le bandiere di un partito o di un sindacato.

Il direttore de Bortoli rivendica per lui e per il Corriere indipendenza e correttezza, ricordando il lavoro del suo giornale e accusando implicitamente Scalfari e Repubblica di ipocrisia:

E dov’erano lui e il suo giornale quando D’Alema, allora al potere, se la prese con noi fino a proporre la mia cacciata dall’Ordine dei giornalisti? Li ho forse accusati, in quelle occasioni, di essersi accucciati al potere di turno? No, rispettai il loro ruolo, anche se di spettatori. Interessati. Devo andare avanti?

La puntata di oggi, martedi’ 13 ottobre

Scalfari pubblica su Repubblica Il coraggio della stampa. Dopo aver ricordato gli altri protagonisti che intanto si stanno aggiungendo a questa saga della “libera stampa” italiana:

Aggiungo che ieri il Tg1 è anch’esso intervenuto a suo modo e a supporto di un resoconto di genere minzoliniano ha intervistato Belpietro e Antonio Polito i quali non hanno trovato di meglio che dichiarare la loro non appartenenza al mio partito e la loro solidarietà con il direttore del Corriere della Sera. Questi due colleghi fanno da tempo parte organica del club di Bruno Vespa ed è evidente che prendano da me tutte le distanze possibili.

Scalfari torna all’insulto personale:

Io mi guardo bene dall’augurarmi che de Bortoli condivida le nostre idee e capisco anche che – come scriveva il Manzoni – “il coraggio chi non ce l’ha non se lo può dare”.

E’ evidente che l’Ego – sempre abbondante tra i giornalisti italiani, che forse hanno preso troppo alla lettera il famoso motto di McLuhan, il mezzo e’ il messaggio – sta straripando e che ormai la saga è resa antipatica e difficile da seguire, infarcita com’e’ di insulti e attacchi personali che nulla aggiungono al dibattito, che pure avrebbe potuto essere importante e salutare. A questo punto non sappiamo come i poveri lettori italiani possano giovarsi di questa saga avvelenata; quei lettori già vivono in una società assai povera di liberal-democrazia, dove ogni tema viene ideologizzato e invece di costruire ponti si ereggono muri.

L’Italia, lo sappiamo tutti, non è certamente la patria della libertà di stampa ne’ di sua madre, la libertà d’espressione, ne’ di sua nonna, la libertà. Ne abbiamo scritto spesso su questo blog e crediamo il tema sia fin troppo serio per ridurlo ad una saga dove i rancori, gli attacchi personali, la lotta politica e gli interessi economici rischiano di deformare i punti di vista, creare il muro contro muro e lasciare sul campo solo macerie.

La saga continua…

AGGIORNAMENTO MERCOLEDI’ 14 OTTOBRE 2009: Scalfari – de Bortoli: un altro episodio della saga avvelenata


Sullo stesso tema leggi anche:

Scalfari e de Bortoli vanno alla guerra

Sulla libertà di stampa leggi anche:

Orwell, la libertà di stampa e il paese dei gattopardi

Oltre il melodramma. Come prepararsi alla manifestazione per la libertà d’informazione di sabato 3 ottobre

Povera Patria

3 ottobre 2009: l’Italia scopre la libertà di stampa e nasce la Terza Repubblica

L’inganno, l’ipocrisia e i guinzagli d’oro


L’imperatore è nudo (ma la “libera stampa” continua a parlarsi addosso)

12 ottobre 2009

emperor

Pierluigi Bersani sta riscuotendo un grandissimo successo: la Lega, Comunione e Liberazione, Cossiga, il Foglio di Giuliano Ferrara tifano tutti per lui. Per fortuna che Massimo c’è! D’Alema, il Grande Elettore di Bersani, si ricorda degli studi giovanili:

Franceschini si dice convinto che alle primarie ribalterà il responso dei circoli?
L’unico rischio che corre Bersani è che alle primarie voti un campione non rappresentativo del nostro elettorato. Altrimenti l’esito è chiaro. (…)

Ma se invece Franceschini dovesse farcela? Cosa racconterete agli iscritti che vedranno sconfessata la loro scelta?
Sarebbe uno scenario paradossale. Le regole sono queste. Certamente i dirigenti le rispetteranno. Gli iscritti non so. (…)

Come dire, il primo amore non si scorda mai.

Nonostante continui ad essere boicottato dall’informazione fattasi casta, Ignazio Marino insiste:

“Questi dirigenti saranno spazzati via dalla storia perché il mondo è cambiato, non è più quello del secolo passato. E credo quindi che sarebbe molto più utile che tutti se ne facessero una ragione e cercassero di favorire il nuovo”

Come nella favola di Andersen, Ignazio Marino punta il dito e ad alta voce dice la verità che tutti sanno: l’imperatore è nudo! E’ per questo che la casta – mezzi d’informazione inclusi – lo teme.

Intanto la “libera stampa” italiana continua (ancora!) a parlarsi addosso. Ne scrivevamo appena ieri di questa insopportabile autoreferenzialità dell’informazione italiana. Oggi il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, risponde a Eugenio Scalfari e Marco Travaglio che ieri lo avevano criticato duramente. OK che il mezzo è il messaggio, ma qui si esagera!

Leggi anche:

Primarie PD: schizzofrenia mediatica e trasformismo preventivo contro Marino

Ignazio Marino segretario del Partito Democratico

Scalfari e de Bortoli vanno alla guerra


Scalfari e de Bortoli vanno alla guerra

11 ottobre 2009

informazione

La “libera stampa” italiana continua a parlarsi addosso. Bruttissimo segno. Oggi, Eugenio Scalfari contro Ferruccio de Bortoli. Ieri, Corriere della Sera contro Repubblica. Entrambi gli articoli contengono spunti interessanti e intelligenti, ma questa gara a chi è piu’ liberale degli altri è, francamente, patetica in un paese che di liberal-democrazia ne conosce ben poca, anche sulla “libera stampa”.

E’ molto, molto preoccupante, per esempio, quando uno dei piu’ noti scienziati italiani nel mondo, Margherita Hack, non riesce nemmeno a farsi pubblicare una lettera aperta al Presidente della Repubblica su quella “libera stampa”; a prescindere dal merito delle critiche (si puo’ essere d’accordo o meno, come sempre) che la liberta’ d’espressione sia cosi’ calpestata anche da coloro che pochi giorni fa’ sono scesi in piazza per difenderla, la dice lunga sullo stato della liberta’ e della democrazia in Italia. Ci vergogniamo a ricordare l’ovvio, ma la liberta’ d’espressione (di cui la liberta’ di stampa e’ una manifestazione) va difesa e tutelata proprio quando non siamo d’accordo nel merito, per le opinioni che non condividiamo; anche Mussolini, Hitler o Stalin difendevano la libertà d’espressione delle opinioni con cui erano d’accordo. Su questo semplicissimo ma fondamentale principio, che risale almeno a Voltaire e all’Illuminismo, sembra in Italia ci sia ancora tanta, troppa confusione. Una confusione pericolosissima.

Tornando alla guerra – e senza entrare qui nel merito dei problemi gravissimi sotto cui la Repubblica (quella di tutti) sta morendo – l’articolo di Ferruccio de Bortoli riflette l’autore: educato, mite, mai volgare, capace di dire cose “controverse” senza offendere. Nell’Italia di chi urla piu’ forte, quella mitezza e quella buona educazione vengono scambiate per debolezza e arrendevolezza. E tuttavia De Bortoli non ci convince completamente con il suo ragionamento che crediamo sottovaluti la serietà di questo delicatissimo momento nella vita della Repubblica (quella di tutti).

Sull’altro fronte, Eugenio Scalfari ci sembra colga meglio il pericolo – serio, reale e presente – della morte della Repubblica (quella di tutti) nonostante l’arroganza e il cattivo gusto con cui, sempre, infarcisce i suoi chilometrici articoli. Sfortunatamente Scalfari riesce a superare se stesso e con la sua faccia di bronzo critica Indro Montanelli alla fine del suo articolo; dopo aver ricordato la bruttissima e vergognosa esperienza del Corriere della Sera agli albori della dittatura fascista, Scalfari conclude il suo pezzo:

Ad Indro Montanelli è accaduto altrettanto, ma lui almeno se n’è accorto prima. Difese per vent’anni dalle colonne del “Giornale” le ragioni del Berlusconi imprenditore d’assalto. Si accorse nel 1994 di quale pasta fosse fatto il suo editore e lo lasciò con una drammatica rottura. Ma era tardi anche per lui. Se c’è un aldilà, la sua pena sarà quella di vedere Vittorio Feltri alla guida del giornale da lui fondato. Al “Corriere della Sera” quest’esperienza d’un giornalista di razza al quale dedicano un santino al giorno dovrebbero farla propria per capire qual è il gusto e il valore della libertà liberale.

Si rimane basiti leggendo certe cose, una lezione di liberalismo post-mortem da chi, francamente, di liberalismo si è sempre piu’ riempito la bocca che dimostrato di capirlo con i comportamenti, come quando chiese la censura di Montanelli da parte della TV pubblica. All’indecenza non c’è limite, si sa, ma continuiamo a leggerlo, per carità. Magari turandoci il naso.

AGGIORNAMENTO – LUNEDI’ 12 OTTOBRE 2009: Oggi il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, risponde a Eugenio Scalfari e Marco Travaglio che ieri lo avevano criticato duramente. OK che il mezzo è il messaggio, ma qui si esagera!

AGGIORNAMENTO – MARTEDI’ 13 OTTOBRE 2009: Scalfari – de Bortoli: la saga avvelenata continua