Reazionari allo sbaraglio

10 novembre 2009

progresso

Qualche giorno fa’ Antonio Di Pietro cosi’ criticava la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sui crocifissi nelle scuole:

“È una sentenza sbagliata. Sono cattolico ma a prescindere da questo, anche se non lo fossi, non capisco che male c’è ad avere il crocifisso in aula. Che male fa mettere un simbolo che ti ricorda amore e sensibilità? Se dobbiamo accettare una cosa del genere, allora togliamo i crocifissi da piazze e campanili.”

C’e’ da rabbrividire di fronte ai ragionamenti giuridici dell’ex pubblico ministero; evidentemente le sentenze vanno rispettatte solo quando lo dice Di Pietro. Potrebbe dirsi lo stesso per Marco Travaglio, che in un articolo a proposito di quella sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, cosi’ iniziava: “Dipendesse da me, il crocifisso resterebbe appeso nelle scuole.” Tiriamo un sospiro di sollievo; non dipende da Travaglio il rispetto della Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali. Sul tema della sentenza della Corte Europea e della polemica che ne e’ scaturita, segnaliamo anche l’articolo di Tiziana Ficacci sul sito No God: Ogni giorno ha la sua croce.

Oggi il leader dell’Italia dei Valori se ne esce con un’altra proposta non proprio liberale:

Droga: Di Pietro, “Dire i nomi di chi non vuole sottoporsi al test”

10 Novembre 2009 10:37 POLITICA

ROMA – Antonio Di Pietro vuole che siano resi noti i nomi dei parlamentari che non si sono voluti sottoporre al test antidroga cosi’ come i risultati degli esami stessi. Lo ha detto stamattina dopo essersi sottoposto al test egli stesso. “E’ bene che i cittadini sappiano – afferma Di Pietro – se tra loro rappresentanti in Parlamento ci siano persone che facciano uso di droghe”. (RCD)

E perche’ non dei test su alcol e tabacco, molto piu’ dannosi delle droghe proibite? O dei test psico-attitudinali, psichiatrici, sulla salute mentale dei parlamentari? O dei test culturali per accertare scienza e conoscenza di coloro che devono occuparsi di questioni importanti e complesse che riguardano tutti? Non sara’ che attorno alle droghe si vuole solo alzare – come sempre – un gran polverone demagogico da parte di una classe politica ignorante che pensa solo ad ingrassare invece di risolvere i problemi della Repubblica con razionalita’, scienza e onesta’? Chi segue il dibattito sullo scontro tra proibizionismo e antiproibizionismo sa bene che tutti gli osservatori indipendenti denunciano da tempo il fallimento delle politiche proibizioniste in tema di droghe. Ma la nostra classe politica continua a parlare e a legiferare sotto l’influenza della superstizione e non della scienza. La legge Fini-Giovanardi sulle droghe e’ direttamente responsabile di sofferenze, violenze, crimini, morti e corresponsabile dello stato incivile e illegale in cui versano le carceri italiane.

Qualche giorno fa’ il quotidiano Il Fatto ha pubblicato un articolo di Beatrice Borromeo dal titolo Italiani nella “polvere” nessuno sniffa come noi. Leggetelo. Poi leggete l’articolo di Fabio Chiusi che sul suo blog ha esaminato l’articolo di Borromeo, confrontandolo con le fonti, nel caso i dati dell’Osservatorio europeo sulle droghe.

Siamo proprio sicuri che i reazionari siano solo dalla parte di Berlusconi?

P.S. Dai un’occhiata anche alla tabella sull’uso della cannabis in Europa pubblicata sul blog di Francesco Costa, con il titolo Quei fumati degli olandesi

P.P.S. Segnaliamo anche il video di Rai Due “Il Fatto del Giorno”, presente in studio anche Marco Cappato, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica (RADICALI ITALIANI)

Annunci

Ostracizzare i Radicali, la regola d’oro dell’informazione italiana

27 ottobre 2009

Quanti anni sono che i Radicali italiani vengono ostracizzati? L’informazione italiana conosce le regole del gioco truccato e tra quelle regole, quella che sempre viene rispettata è ignorare i Radicali. In queste ore la “libera stampa” (quella che scende in piazza per rivendicare il ruolo dell’informazione in una societa’ libera e democratica) è alle prese con il PD e le alleanze; Repubblica propone ai suoi lettori il seguente sondaggio:

sondaggio

clicca sull'immagine per ingrandirla

Indovinate chi resta fuori dalle opzioni proposte da Repubblica? Eppure i Radicali dovrebbero essere una scelta naturale da inserire in quel sondaggio, visto che gia’ ci sono esponenti di quel partito che lavorano (e bene) nei gruppi parlamentari del PD. La dimenticanza di Repubblica non e’ casuale, ovviamente.

E c’e’ chi vorrebbe togliere ai cittadini anche il servizio pubblico di Radio Radicale.

Quei cittadini potrebbero anche chiedersi cosa hanno fatto questi Radicali per essere ostracizzati da decenni dalla politica e dall’informazione. Mentre meditiamo su questa domanda, invitiamo i nostri lettori a dare un’occhiata al sito dei Radicali italiani, dove sono disponibili le cifre dei Contributi erogati all’editoria nel 2008 (anno di riferimento 2007) :
200 milioni 776mila euro.

Come diceva tanti anni fa’ Renzo Arbore con una birra in mano? Meditate gente, meditate!

P.S. Mi dicono che dopo alcune proteste portate all’attenzione della direzione di Repubblica, il sondaggio è stato ritirato; al suo posto un messaggio che recita: Sondaggio non più attivo. Forse Repubblica potrebbe ora spiegare ai suoi lettori i motivi di questo messaggio, magari con un semplice articolo di scuse verso i suoi lettori, prima ancora che verso i Radicali? I risultati del Sondaggio non più attivo, sono ancora online e li riportiamo qui sotto:

risultati

clicca sull'immagine per ingrandirla

P.P.S. Dichiarazione di Marco Cappato, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni, del Comitato di Radicali italiani

Cappato: da Repubblica.it un bel sondaggio di regime post-fascista e berlusconiano
27 ottobre 2009
Dichiarazione di Marco Cappato, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni, del Comitato di Radicali italiani

“Con quale partito preferireste si alleasse il Pd?” chiede ai suoi lettori il sito di Repubblica.it diretto da Vittorio Zucconi. Ecco le scelte possibili: Idv; Prc; Sl; Verdi; UdC; Nuova forza di centro Rutelli-Montezemolo; deve andare da solo; non so”.
Come già accaduto (e da noi Radicali denunciato) nei sondaggi Internet per le elezioni europee, il partito di Repubblica, con i suoi Direttori e il suo Editore, continua nella linea di eliminazione dell’esistenza stessa della Lista Bonino-Pannella, pur avendo il movimento radicale già iniziato ufficialmente la campagna di raccolta di pre-firme per la presentazione della lista in tutte le Regioni.
Con questo tipo di “informazione” e di “sondaggi”, Repubblica condivide con il potere berlusconiano gli stessi metodi di disinformazione e censura contro i quali vengono raccolte, proprio da Repubblica.it, centinaia di migliaia o milioni di firme. Il sondaggio di oggi è la rappresentazione perfetta del regime post-fascista e anti-democratico italiano. E’ anche un sondaggio “berlusconiano”, non solo nei metodi, ma anche nel merito, se è vero come è vero che dall’analisi dell’Istituto Cattaneo alle elezioni europee è proprio la Lista Bonino_Pannella l’unica ad aver portato via voti a Berlusconi. Ragione di più, per Repubblica, per cercare di eliminarci.