Santa Paola del cilicio resta nel PD

28 ottobre 2009

Paola Binetti

Paola Binetti non se ne va, almeno non subito. Aspetta di vedere se il PD di Bersani riuscira’ ad essere ancora piu’ clericale e fondamentalista del PD di Veltroni e Franceschini. Dopotutto non è un segreto che Comunione e Liberazione (CL) è al settimo cielo; ora puo’ contare su un segretario del PD che ha sempre avuto un occhio di riguardo per il movimento degli integralisti cattolici. Chissa’ se Bersani ha qualcosa da dire come segretario del PD sui medici di CL che – pagati con i soldi dei contribuenti – urlano negli ospedali pubblici a chi vuole abortire secondo la legge della Repubblica, “Assassina, sta uccidendo suo figlio”.

Santa Paola del cilicio fa sapere a Bersani: “Perdere chi, come me, rappresenta i valori cattolici sarebbe una grave sconfitta”. Questione di punti di vista. L’umiltà invece non sembra piu’ essere tra quei valori; o forse il messaggio per Bersani ha a che fare piu’ con l’Opus Dei che con Gesu’ Cristo, che non ha mai predicato ne’ l’odio ne’ la mortificazione della carne.

Povero Bersani! Ognuno ha la sua croce, segretario; attento almeno a non farti mettere il cilicio.

Annunci

“Assassina, sta uccidendo suo figlio”

28 ottobre 2009

cacciata

“Alla donna disse: moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze: con dolore genererai figli. A tuo marito sarai costretta, ed egli avrà potere su di te.” Genesi 3,16

La Bibbia è forse il libro piu’ violento che sia mai stato scritto; un’epopea di guerre e genocidi, con un Dio assetato di sangue e vendetta, odio e violenza. Migliaia di anni di questa “civiltà” della barbarie hanno impresso il marchio a fuoco nel nostro DNA antropologico e la strada dell’Umanesimo è stata la strada per emanciparsi dalla schiavitu’ di quel marchio; su quella strada si è combattuta la resistenza contro le guerre sante, il potere assoluto, la schiavitu’, la tortura, la pena di morte, la persecuzione di donne, uomini e idee. In Italia, dominio dei papi re, quella strada è ancora impervia:

Avevano deciso di abortire. Ma una volta all’ospedale, per gli accertamenti preliminari all’interruzione di gravidanza, il primario, obiettore di coscienza, le ha umiliate nel corridoio del reparto, davanti al personale e alle degenti. «Assassina, sta uccidendo suo figlio», ha urlato Leandro Aletti, responsabile di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Melzo e noto antiabortista, simpatizzante di Comunione e liberazione, a ciascuna delle tre donne, dai 27 ai 36 anni, che avevano scelto quella struttura pubblica per abortire.

Aletti è un nostalgico della maledettissima Santa Inquisizione; i suoi avi torturavano e bruciavano le “streghe” sui roghi. Ma anche questa è violenza di Stato, pagata dalle tasse dei contribuenti. Nella Lombardia di Formigoni, Comunione e Liberazione pasce di oscurantismo e violenza, superstizione e denaro, dogma e potere.

La strada è ancora lunga; rimettiamoci in cammino.

P.S. A proposito di Aletti, Alessandro Gilioli scrive:

Non è un “simpatizzante di Cl” come dicono oggi i giornali: è un attivista ciellino di primo piano, seguace e amico di don Giussani e di don Carlo d’Imporzano negli anni Settanta, portato a esempio da tutti i ciellini di porta Romana – la sua zona – per il numero spropositato di figli generati e di denunce ricevute (sempre per aver definito «assassini» alcuni colleghi aborstisti e diverse donne che volevano avvalersi della legge 194).