Il PD delle cinque stagioni e l’Invincibile Armata

12 dicembre 2009

Mi chiedo cosa farà ora il PD di D’Alema e Bersani dopo che Berlusconi da Bonn ha certificato la morte della Repubblica. Non è una domanda retorica; inizierà a fare opposizione (sempre che ne sia capace) o continuerà – passata la bufera – a elemosinare il dialogo sulle riforme istituzionali? Quest’ultima è stata fin’ora la linea politica sia del tandem attualmente alla guida del Partito Democratico sia del Presidente Napolitano e del suo equivoco, la famosa moral suasion che in realtà – e lo scrivevo qualche tempo fa’ – non era altro che wishful thinking. Una linea politica che in verita’ viene da lontano; gia’ nel 2001 l’economista Paolo Sylos Labini scriveva a proposito della Bicamerale presieduta da D’Alema:

La legittimazione politica scattò automaticamente quando fu varata la Bicamerale: non era possibile combattere Berlusconi avendolo come partner per riformare, niente meno, che la Costituzione, con l’aggravante che l’agenda fu surrettiziamente allargata includendo la riforma della giustizia, all’inizio non prevista. E la responsabilità dei leader dei Ds è gravissima.

Quella linea politica in realtà è assai piu’ antica e – a seconda del periodo storico e del punto di vista – viene indicata con nomi differenti; e’ il risultato di una tradizione culturale di cui ho gia’ scritto su questo blog (per esempio, qui e qui) e su cui non mi dilungo in questa sede. Negli ultimi quindici anni quella linea politica ha avuto due nomi: Berlusconi e D’Alema.

Stefano Rodotà – giurista serio e uomo pacato – commentando lo show di Berlusconi a Bonn, affidava ieri al Manifesto queste parole:

«Siamo al punto: dopo aver praticamente chiuso il parlamento, dopo aver ridotto il Consiglio dei ministri a un comitato di affari del presidente del Consiglio, ecco che Berlusconi annuncia la sospensione dei diritti costituzionali. Perché è questo il significato dell’attacco alle istituzioni di garanzia (…) In questo momento tutti coloro che hanno un qualsiasi ruolo all’interno delle istituzioni devono prendere una posizione esplicita e pubblica per misurare la distanza tra chi ritiene che le istituzioni siano questo e chi ancora crede che le istituzioni siano il cuore della democrazia. E soprattutto, lo dico senza mezzi termini, con Berlusconi che segue questa linea devastante di politica istituzionale non si può avere nessun dialogo»

Sempre ieri, Patrizio Bertelli, amministratore delegato del gruppo Prada, all’assemblea nazionale del movimento Alleanza per l’Italia di Francesco Rutelli: “Bisogna creare le condizioni per buttare fuori Berlusconi dal Parlamento italiano”. L’intervento di Bertelli – ascoltatelo su Radio Radicale – è assai critico anche nei confronti dell’opposizione.

Fino a ieri – e per molto tempo – il PD di D’Alema e Bersani (ma anche quello di Veltroni e Franceschini) attaccava duramente coloro che dicevano le stesse cose; vediamo se ricordiamo le parole usate: qualunquisti, populisti, demagoghi, antipolitica… Ora che l’incantesimo sembra (sembra) si sia rotto, la domanda s’impone, almeno alla mente intellettualmente onesta: come possono ancora fidarsi di questo PD i cittadini che vogliono vivere in un paese normale? Quei cittadini sono la maggioranza nel paese – a destra al centro e a sinistra – e se cosi’ non sembra e’ solo per la schizzofrenia del sistema politico (a cominciare dall’abominevole legge elettorale) e per il continuo lavaggio del cervello dei mezzi d’informazione (a cominciare dalla vergognosa RAISET). Come si puo’ ancora credere a questo PD, guidato dalle stesse persone che solo pochi giorni fa’ continuavano a rincorrere il caudillo per fare insieme le riforme istituzionali e a insultare chi era nel giusto? Questa è la domanda che per primi dovrebbero chiedersi tutti coloro che ancora scommettono sul PD – a cominciare dai tanti dirigenti onesti e di buona volonta’ di cui il partito e’ certamente pieno ma la cui presenza rischia sempre di piu’ di venire svilita a una mera – e a questo punto vana – foglia di fico.

Insomma, e’ mai possibile che in Italia ci siano sempre gli stessi politici, adatti tutti per tutte le stagioni? O – per ripetere oggi la domanda che Sylos Labini ripeteva in quell’articolo: “Ma insomma, siamo veramente un paese civile?”

P.S. Sembrerebbe che si stia costituendo una grande armata per contrastare Berlusconi; sono le stesse persone che ci hanno portato a questo punto. “Ci saranno sorprese” dice Casini. Vedremo. Ricordiamo però che l’Invincibile Armata spagnola ricevette una sonora sconfitta dagli inglesi; e quella aveva anche la benedizione del papa.

Annunci

È morta

11 dicembre 2009

Repubblica italiana 1946 – 2009.

Dopo lunga malattia è morta la giovane Repubblica italiana nata dalla lotta al nazifascismo. Non fiori ma opere di bene.


Chiudiamo oggi la miniserie dedicata al capezzale della Repubblica; le parole di Berlusconi pronunciate ieri a Bonn al congresso del Partito Popolare Europeo (PPE) rappresentano il certificato di morte di quella Repubblica, nata dalla lotta contro il nazifascismo. Ora che le prefiche hanno già cominciato il rito funebre, assisteremo ad un lento processo di putrefazione, accompagnato dall’olezzo di dichiarazioni gravi ma mai serie, come si usa in Italia: tanti fiori ma mai opere di bene.

A questo punto l’onere ricade su tutti noi, cittadini di buona volontà che vogliono finalmente costruire una Repubblica degna di questo nome – che è res publica appunto, cosa di tutti e non Cosa Nostra o Cosa Loro. Che fare? Converrà, io credo, tenere i nervi ben saldi, non dare sfogo a istinti e passioni irrazionali e violenti e illuminare questa notte con il lume della ragione e la pratica della non-violenza.

Come tutti sanno, la democrazia liberale si regge su tre pilastri: 1) la libertà individuale; 2) il governo del, dal e per il popolo, e 3) il governo della legge. Come i pilastri di quegli edifici “antisismici” che sono poi crollati al primo terremoto perche’ il cemento era stato sostituito dalla sabbia, cosí i pilastri della Repubblica italiana sono crollati perché in realtà erano diventati semplicemente la caricatura degli originali, quella Repubblica una farsa che della democrazia liberale ormai non aveva piu’ nulla e il cui crollo – ritardato soltanto grazie alle istituzioni internazionali e sovranazionali, a cominciare dall’Unione Europea – era solo questione di tempo.

Ora che il crollo è stato finalmente ufficializzato, potrebbe essere non una cattiva idea prendere familiarità con le idee dell’Illuminismo, con la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino del 1789 e con la Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America del 1776, dove per esempio si legge:

“Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzarne i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità.”

Noi italiani potremmo liberarci dal cinismo dei secoli e prendere coscienza di essere cittadini e non plebe; i cittadini non hanno bisogno di unti del signore, di profeti, di cattivi maestri, di grandi fratelli, di pastori o padri santi, cosí come non hanno bisogno di nemici. Con la luce della ragione si puo’ costruire una societa’ aperta dove finalmente Liberta’, Uguaglianza e Fraternità siano riconosciuti da tutti come i veri Dei della Repubblica e ricostruire, questa volta con cemento vero, quei tre pilastri di cui parlavamo sopra e che reggono ogni democrazia liberale: 1) la libertà individuale; 2) il governo del, dal e per il popolo, e 3) il governo della legge.

Molto piu’ facile a dirsi che a farsi ovviamente, specialmente in un paese che non ha mai conosciuto riforme ne’ rivoluzioni ma solo controriforme e restaurazioni, dove le idee dell’Illuminismo sono sempre state combattute e dove l’ancien regime non è mai stato abbattuto; per troppi versi l’Italia è ancora un paese feudale con privilegi anacronistici che devono terminare se quella Repubblica si vuol far venire alla luce. L’ho gia’ scritto molte volte su questo blog, Silvio Berlusconi non è la patologia all’interno di un sistema sano; Berlusconi rappresenta la fisiologia di un sistema in cangrena da decenni. Un sistema di potere chiuso, asfittico, immobile, corrotto, autoreferenziale, omertoso, ignorante, isolato dal resto del mondo, proietatto verso il passato, contrario a qualsiasi riforma. Quella Repubblica potrà nascere solo se verrà abbattuto quel sistema familistico e tribale che rifiuta il diritto di cittadinanza, la competizione, la meritocrazia, la legalità, dove il nome di famiglia e l’appartenenza al clan sono la valuta accettata nelle universita’, negli ospedali, nelle redazioni dei giornali, in televisione, nello spettacolo, nell’industria e nella finanza. Quando quel sistema feudale parassitario sarà abbattuto e i cittadini non saranno piu’ sudditi, allora e solo allora potrà nascere la Repubblica.

Ora piú che mai è utile ricordare che la paura non solo è cattiva consigliera ma è nemica mortale della speranza e che le scorciatoie – noi italiani dovremmo essere i primi a saperlo – conducono solo e sempre laddove non vorremmo mai andare.

P.S. Stefano Rodotà – giurista serio e uomo pacato – oggi sul Manifesto: «Siamo al punto: dopo aver praticamente chiuso il parlamento, dopo aver ridotto il Consiglio dei ministri a un comitato di affari del presidente del Consiglio, ecco che Berlusconi annuncia la sospensione dei diritti costituzionali. Perché è questo il significato dell’attacco alle istituzioni di garanzia».

P.P.S. “Bisogna creare le condizioni per buttare fuori Berlusconi dal Parlamento italiano”Patrizio Bertelli, amministratore delegato del gruppo Prada

Al capezzale della Repubblica – prima parte

Al capezzale della Repubblica – seconda parte

Al capezzale della Repubblica – terza parte