Brenda, Mattia Feltri e il guazzabuglio della stampa italiana

Oggi sulla Stampa Mattia Feltri prova a ragionare sulla parola “transessuale”: maschile o femminile, il o la? Nella grande confusione italiana, va riconosciuto a Feltri di averci almeno provato; tra il serio e il faceto, con molta ironia e forse troppa leggerezza, i risultati di questo sforzo sono tuttavia deludenti.

Scrive Feltri all’inizio del suo articolo, “Il” o “la” trans? Il guazzabuglio è anche lessicale:

Dicono e scrivono Brenda al femminile o al maschile, per come gli esce sul momento dalla bocca o dalla penna. Tutto buono: lo spiega anche il dizionario Devoto-Oli, «transessuale», aggettivo e sostantivo, maschile e femminile, da declinare a seconda della massima confusione.

La confusione c’e’ sicuramente, ma solo se s’ignora la letteratura scientifica e l’esperienza dei diretti interessati, visti questi solo come oggetto sessuale di maschi in cerca di emozioni e non come persone la cui dignita’ va rispettata e la cui identita’ sicuramente non va cercata nell’ignoranza di quei maschi, clienti o giornalisti che siano. Invece quei giornalisti e opinionisti scrivono e parlano di transessuali solo in funzione di, e cosi’ fa anche Mattia Feltri sulla Stampa di oggi. L’articolo mischia sesso e genere, ironia e ignoranza, Vladimir Luxuria ed Elisabetta Gardini, il Grande Fratello e il complesso d’Edipo. Feltri scrive:

E’ una babilonia, si va a trans terrorizzati dall’eventualità di essere scoperti, interminabili file notturne di maschi che le teorie accademiche vogliono smarriti, complessi di Edipo all’opposto e cose così, file di maschi ancora più terrorizzati dall’ipotesi della loro omosessualità, potenziale o già espressa. Non sanno che pensare della propria indole. Non sanno se sono andati con un trans o con una trans, non sanno che cosa era, se prevaleva nell’aspetto e nel desiderio la parte sopra o la parte sotto.

Dimmi cosa fai a letto e ti diro’ chi sei. Questo e’ il livello del “dibattito”, questa e’ la nostra tradizione fatta di repressione culturale e sessuale di intere generazioni costrette a subire quella cultura sessuofoba, il sesso come peccato, il moralismo che nasce dall’ignoranza e dalla paura. Come meravigliarsi allora se la pornografia sia non solo cosi’ diffusa ma la vera scuola di sesso in una societa’ che ne e’ ossessionata proprio perche’ lo ha sempre rinnegato, visto come cosa immonda, ripudiato negli atti impuri del confessionale e nei bordelli dove il maschio poteva trovare sollievo da una cultura che imponeva (impone?) la verginita’ della donna come modello di purezza. Nella tradizione da cui veniamo – tradizione sempre invocata per difendere le nostre radici, come se fossimo piante! –  quel maschio e’ carnefice e vittima al tempo stesso, nella sua mente la donna e’ di due tipi: la madre, la moglie e la figlia, da rispettare e proteggere, e la prostituta, la donna che puo’ soddisfare le sue passioni, represse da quella tradizione come peccati della carne. Il maschio che si fa vanto delle sue conquiste ma che ancora usa la parola “puttana” e simili a mo’ d’insulto verso una donna, verso tutte le donne. Messi fuori legge i bordelli, quella tradizione millenaria continua come e dove puo’.

Ed e’ questa tradizione lo sfondo culturale, antropologico, la cornice che inquadra il “dibattito” su transessuali e prostituzione a seguito degli ultimi scandali dati in pasto dai mezzi d’informazione a un’opinione pubblica che brancola nel buio dell’ignoranza, eccitata dai propri pregiudizi, come tanti schiavi compiacenti delle proprie catene. Si, perche’ nella cultura sessista italiana, in quel machismo che ancora caratterizza non solo la cultura popolare ma soprattutto i commenti di eruditi e maître à penser, e’ evidente la paura dell’ignoranza. Scrivevo qualche giorno fa’ in Brenda e la grammatica della paura a proposito di quel dettaglio, il o la transessuale:

Un piccolo dettaglio, un’inezia forse che pero’ puo’ farci riflettere se il diavolo si nasconde davvero nei dettagli. Se cosi’ e’, forse quel dettaglio puo’ aiutarci a illuminare noi stessi e a guardarci allo specchio, come singoli e come società: i tabú, i pregiudizi, il moralismo e il sessismo che perseverano, quasi aggrappandosi alle regole di una grammatica immutabile per non affondare nell’ignoranza abissale di una cultura e di una societa’ incapaci di capire e con la paura di cambiare.

E puntualmente Mattia Feltri oggi sulla Stampa sente la necessita’ di aggrapparsi a quella grammatica, “lo spiega anche il dizionario Devoto-Oli”. Ovviamente il dizionario non spiega nulla; ci sono nomi nella lingua italiana che hanno un’unica forma per il maschile e per il femminile (sia al singolare sia al plurale) e che possono essere distinti solo dall’articolo, dalla coniugazione (verbo) e dalla declinazione (aggettivo e pronome): nipote, consorte, parente, cantante, insegnante, agente, amante, ecc. Se la parola “transessuale” genera ancora cosi’ tanta confusione, forse il dizionario andrebbe affiancato da una letteratura scientifica vasta e facilmente disponibile, in grado di far saltare i tabu’ e la morale costruiti sull’ignoranza, il dogma e la superstizione e dar vita invece ad un’etica che parta dalla scienza, dalla conoscenza, dove il vero “peccato” e’ l’ignoranza. Invece siamo ancora fermi alla Bibbia, “maschio e femmina li creò”, come la Chiesa Cattolica non si stanca mai di ricordarci.

Purtroppo Feltri termina il suo articolo laddove avrebbe dovuto iniziarlo – “i maschi saranno disorientati, ma le donne si scoprono disarmate” (ma davvero e’ cosi’? Sicuramente non tutti i maschi sono disorientati e non tutte le donne si scoprono disarmate…) – e sembra non accorgersi che per tutto l’articolo i/le transessuali vengono presi in considerazione solo in funzione di. Dispiace e fa riflettere anche che Feltri non abbia criticato il suo stesso giornale, la Stampa, uno di quei tanti quotidiani che ancora si ostinano a titolare “Morto il trans Brenda”.

Ma c’e’ di peggio. Mattia Feltri incorre in un errore purtroppo comune in Italia:

Negli Stati Uniti si è pensato di risolvere la questione con una trovata semantica, un compromesso storico dell’erotismo: i trans si dicono shemale, o she-male, che tradotto alla lettera sta per «lei-maschio». Oppure, se è una donna diventata uomo, si dice hemale, «lui-femmina», sebbene sia un termine che circola molto meno.

Feltri e la Stampa dovrebbero sapere che quei termini non sono il “compromesso storico dell’erotismo”; sono invece probabilmente il frutto dell’industria pornografica, non vengono nemmeno rubricati nei dizionari di lingua inglese e soprattutto sono considerati altamente offensivi, alla stregua di termini come “nigger” per gli Afro-Americani, “faggot” per i gay o “Christ-killer” per gli ebrei.

Quel “guazzabuglio” andava esposto per quello che e’, senza tanti giri di parole: semplice ignoranza, da illuminare da scienza e ragione. Invece sembra quell’ignoranza venga perpetuata anche dalla stampa “colta”, che continua a perseverare nei suoi errori. I pregiudizi, come si sa, nascono dall’ignoranza e cosi’ pure il fanatismo. Siamo tutti alieni finche’ non impariamo a conoscerci; anche a questo – vale la pena ricordarlo – dovrebbero servire i mezzi d’informazione.

P.S. Come mi fa notare Fabio Chiusi, la confusione sembra alta sotto i cieli della stampa italiana; il Corriere della Sera di oggi per esempio usa la parola“matricidio” nel titolo di un articolo su un triste caso di cronaca nera dove e’ la madre a uccidere il figlio.

Sullo stesso argomento: Brenda e la grammatica della paura

2 risposte a Brenda, Mattia Feltri e il guazzabuglio della stampa italiana

  1. […] declinare e coniugare al maschile la parola “transessuale” o addirittura, come ha fatto Mattia Feltri, a spiegare (sbagliando) che negli Stati Uniti si userebbe la parola “shemale”. Amici giornalisti, un po’ […]

  2. […] giorno fa’ sulla Stampa, Mattia Feltri scriveva: Negli Stati Uniti si è pensato di risolvere la questione con una trovata semantica, un […]

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: