I buffoni ministri La Russa e Alfano e il caso Cucchi (e le dichiarazioni surreali e vergognose del maggiore Paolo Unali)

30 ottobre 2009
la-russa

Con Ignazio La Russa, Ministro della Difesa, l'Italia è in buone mani

Sul caso di Stefano Cucchi, interviene il ministro della difesa La Russa:

«Non c’è dubbio che qualunque reato abbia commesso questo ragazzo – spiega La Russa – ha diritto ad un trattamento assolutamente adeguato alla dignità umana. Quello che è successo non sono però in grado di dirlo perché si tratta di una competenza assolutamente estranea al ministero della Difesa, in quanto attiene da un lato ai carabinieri come forze di polizia, quindi al ministero dell’Interno, dall’altro al ministero della Giustizia. Quindi non ho strumenti per accertare, ma di una cosa sono certo: del comportamento assolutamente corretto da parte dei carabinieri in questa occasione»

Questione di fede!

alfano

Angelino Alfano, ministro della giustizia del governo Berlusconi. Un ossimoro.

Il ministro della giustizia, Angelino Alfano, mercoledi’ scorso alla Camera:

“La visita al Regina Coeli  ha evidenziato la presenza di ecchimosi sacrale coccigea, tumefazione del volto bilaterale orbitaria, algia della deambulazione e arti inferiori”. “Il medico del carcere – ha aggiunto il ministro – ha poi dato atto nel referto di quanto riferito dal detenuto: Stefano Cucchi ha detto di una caduta accidentale dalle scale“.

E ci tocca pure pagarli a questi buffoni!

P.S. Sul blog del quotidiano Il Fatto potete leggere le dichiarazioni surreali del maggiore Paolo Unali, comandante della Compagnia Roma Casilina, i cui uomini, nella notte tra il 15 e il 16 ottobre, hanno arrestato Stefano Cucchi. Siamo sicuri c’e’ gia’ chi sta lavorando per insabbiare tutto. Davvero una Repubblica delle Banane, dove i cittadini hanno paura delle loro forze dell’ordine. Vergogna!

P.P.S. Monsignor Giorgio Caniato, ispettore dei cappellani: «Le botte gliele hanno date sul serio e anche forte. Non è certamente caduto dalle scale». Il garante dei diritti dei detenuti del Lazio, Angiolo Marroni ha invitato ad aspettare l’esito dell’autopsia, anche se, ha detto: «continuo a pensare che sia stato colpito fuori dal carcere. È stato malmenato violentemente. Immagino che un tossicodipendente arrestato possa fare resistenza scatenando la reazione delle forze dell’ordine. A volte succede, purtroppo». Ma il comandante provinciale dei Carabinieri Vittorio Tomasone afferma: «Inoltre, voglio ribadirlo, il ragazzo non ha mai opposto resistenza all’arresto e tutto si è svolto normalmente». Di certo c’e’ solo che Stefano Cucchi non si è suicidato!

LEGGI ANCHE: Stefano Cucchi e l’inciviltà della Repubblica delle Banane


I moralisti e i guardoni

30 ottobre 2009

voyeur

Dopo le escorts, le trans. L’Italia dei guardoni proprio non ce la fa a stare lontana dal buco della serratura; forse perche’ solo cosi’ riesce a non guardarsi allo specchio. Il paese è sessualmente represso, l’omofobia e la misoginia abbondano e non fanno notizia. Per vendere pubblicita’, le telecamere entrano nella camera da letto e il giornalista nasconde i suoi pruriti dietro la maschera del moralista. Ma cos’è peggio, vendere il proprio corpo, come fanno le lavoratrici e i lavoratori del sesso o vendere la propria integrita’, come fanno tanti politici e giornalisti? E chi è piu’ libero?

Quando anche quest’ultima storia avra’ annoiato lo spettatore, c’è gia’ pronta un’altra vita d’azzannare. Quello che restera’ sara’ solo il pregiudizio contro prostitute e transessuali, gli unici a cui si chiede il conto.