Omofobia: l’attentato terroristico quotidiano. I mandanti sono noti.

omofobia

Dal Corriere della Sera:

L’ennesima aggressione in citta’ Omosessuale aggredito in metropolitana:
“Mi hanno puntato un pugnale ai testicoli”

Un giovane docente minacciato e insultato da tre giovani con la testa rasata: «Gay di m… sei un essere putrido»

NAPOLI – A Napoli è ancora violenza omofobica. Ieri sera intorno alle sei Mario (nome di fantasia), un giovane docente omosessuale napoletano, è stato aggredito da tre teste rasate nella stazione della metropolitana «Quattro Giornate». «Sei un ricchione di m…, sei un essere putrido» gli hanno gridato. Lo hanno costretto in un angolo, contro il muro, e gli hanno puntato un coltello sotto i genitali, minacciandolo: «Non urlare sennò sei morto». L’aggressione è avvenuta intorno alle 18 mentre il docente aspettava la metropolitana seduto sulla panchina della stazione, in quel momento deserta, per tornare a casa dopo il lavoro. «All’improvviso si sono avvicinati tre ragazzi tutti con le teste rasate e vestiti con un bomber verde. Uno aveva il cappuccio sulla testa ma non avevano i volti coperti» racconta Mario, che prosegue: «Non ho neanche avuto il tempo di capire cosa stesse succedendo che mi hanno preso per la gola mi hanno intimato “alzati” e poi mi hanno sbattuto contro il muro. Inizialmente credevo che si trattasse di una rapina». L’INTIMIDAZIONE – Ma il giovane insegnante si è presto accorto che si trattava invece di un’aggressione a sfondo omofobo. «Essere putrido, fai schifo», inveivano gli aggressori. Hanno continuato a insultarlo e minacciarlo per qualche minuto, puntandogli un’arma bianca sotto i genitali e, dopo averlo terrorizzato, se ne sono andati. «Spero che le autorità facciano qualcosa – commenta il giovane docente, ancora sotto shock – Ho paura. La situazione a Napoli non è tranquilla per noi omosessuali».

Alfonso Bianchi
15 ottobre 2009

Sempre oggi, a Roma. Da Repubblica:

E a Roma, dopo l’accoltellamento davanti al Gay Village e gli attentati incendiari ai locali per omosessuali, l’Arcigay denuncia un’altra aggressione: “Questa mattina – scrive Fabrizio Marrazzo, presidente dell’Arcigay di Roma – ci è stato segnalato un episodio di aggressione che ha visto coinvolta all’Eur una persona transgender che adesso è ricoverata in ospedale dove ha subito un intervento alla testa. A contattarci e a riferirci dell’aggressione sono stati i suoi amici”. L’aggredita ha nominato come avvocato il responsabile legale di Arcigay Roma, Daniele Stoppello, che aggiunge: “Al momento, la vittima ricorda ancora poco, ma stiamo comunque provando a ricostruire la dinamica di quanto avvenuto”.

I mandanti sono a piede libero; si reputano onorevoli perche’ siedono in Parlamento o venerabili perche’ vestono le porpore e gli ori. Invocano la legge ma sono i principi dell’illegalita’ e dell’ingiustizia; predicano l’amore ma praticano l’odio e l’esclusione; parlano di “figli di Dio” ma credono in un dio intollerante, ignorante e che discrimina tra i suoi figli. Il loro vero nemico e’ la liberta’, che temono e disprezzano. Lo ripetiamo, Paola Binetti non è il problema

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: