Nuvoloni si addensano sull’Europa. Aspettando la tempesta

bossi

Umberto Bossi: “Noi però abbiamo un progetto più complesso del federalismo, vogliamo un cambiamento epocale, non ci accontentiamo del federalismo (…) [la Padania] sarà libera con le buone o con le meno buone. La libertà è un diritto, e quindi è un diritto ottenerla in tutti i modi. Siamo qui a Venezia perché sappiamo che un giorno la Padania sarà uno Stato libero, indipendente e sovrano.”

Nuvoloni piu’ che nuvole. Pronti a trasformarsi in uragani e tempeste. In Italia, il führer della Lega, movimento apertamente separatista e xenofobo, e ministro del governo della Repubblica, Umberto Bossi ha minacciato la crisi di governo e dichiarato:

“Fortunatamente la Lega è molto forte in Parlamento e sono costretti a seguirci tutti. E anche i nostri alleati devono dire sì perchè, se la Lega non dà i voti ai grandi progetti, non li avrebbero per andare avanti. E allora sì, che si andrebbe a votare. Ma noi non vogliamo andare a votare, vogliamo le riforme”.

Le “riforme” della Lega le leggevamo proprio oggi sul blog l’Antefatto; un interessantissimo P.S. ad un articolo dell’ottimo Oliviero Beha, La militarizzazione delle news:

P.S. Nel frattempo mi segnalano che il figlio di Bossi, non “delfino” ma “trota” secondo il padre, è stato nominato membro del consiglio di direzione dell’ ”Osservatorio sulla trasparenza e l’efficacia del sistema fieristico lombardo”, un baraccone inutile ideato dalla stessa Lega. Stipendio: 12.000 euro al mese. Dieci volte lo stipendio degli insegnanti che lo hanno bocciato. Tre volte. Alla maturità. Eh sì, è decisamente una questione “culturale”, oltre che politica e informativa…

Ma andiamo avanti e seguiamo le dichiarazioni del ministro separatista (solo in Italia!) Bossi. Replicando al Presidente della Camera Fini che proponeva un approccio razionale al problema dell’immigrazione in una societa’ libera e democratica, Bossi ha detto:

“A casa loro, sì, dove sono cittadini – aveva detto il leader della Lega, interpellato dai giornalisti prima di un comizio a Ferrara – qui sono i nostri che hanno i diritti. Qui nessuno va a dire ad altri di comandare a casa sua. Io non sono d’accordo che si dia il voto agli immigrati”.

Vale forse la pena ricordare che il Presidente emerito Ciampi avvertiva qualche giorno fa’, “vero scopo della Lega e’ la secessione”.

Altre nuvole torbide e minacciose arrivano dalla Lituania. Amnesty International denuncia: Lituania: il parlamento verso la criminalizzazione dell’omosessualità. Anche qui vale la pena ricordare che la Lituania e’ paese membro dell’Unione Europea. Ne hanno scritto anche Francesco Costa e Ivan Scalfarotto.

Aspettando il temporale sara’ una buona idea prepararsi e cercare di limitare i danni. Una nuova classe dirigente, competente, disinteressata, laica e capace di raccogliere la fiducia dei cittadini e ascoltarne le richieste, riconoscere i diritti civili di ognuno e con il coraggio della ragione per difendere le istituzioni democratiche, laiche, liberali della Repubblica.

Puo’ il Partito Democratico dare al paese questa classe dirigente? C’e’ piu’ di una buona ragione per dubitarne seriamente. A nostro parere la mozione di Ignazio Marino merita di essere sostenuta con coraggio anche da coloro che non hanno mai pensato di avvicinarsi al Partito Democratico fin’ora. Senza illusioni ma con la convinzione di dare voce ai tanti cittadini che vogliono vivere in una Repubblica laica, indipendente dalle inerferenze politiche d’Oltre Tevere e piu’ giusta e solidale.

Continuiamo a chiedere a Bersani e Franceschini di accettare un confronto aperto e democratico con tuti e tre i candidati alla segreteria.

3 risposte a Nuvoloni si addensano sull’Europa. Aspettando la tempesta

  1. […] nuvoloni minacciosi si addensano sull’Italia e sull’Europa; il Presidente Napolitano sembra sonnecchiare mentre la Repubblica muore e gli avvoltoi si preparano a dividersi la carcassa; il Partito Democratico ce la sta mettendo tutta per uccidere anche la speranza. […]

  2. […] Umberto Bossi, führer della Lega e ministro della Repubblica, è tornato a parlare di secessione: “Noi però abbiamo un progetto più complesso del federalismo, vogliamo un cambiamento epocale, […]

  3. […] Minaciosi nuvoloni all’orizzonte; prevediamo tempeste e invitiamo a correre ai ripari. […]

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: