Déjà-vu: Berlusconi piscia, l’Italia applaude e l’Europa tace

Da Bonn – al congresso del Partito Popolare Europeo (PPE) – il capo del governo italiano piscia sull’Italia:

“Permettetemi di parlare un secondo del mio Paese… la sovranità sta passando al partito dei giudici. Il Parlamento fa le leggi, ma se queste non piacciono al partito dei giudici questo si rivolge alla Corte Costituzionale e la Corte abroga la legge. Stiamo lavorando per cambiare questa situazione anche attraverso una riforma della Costituzione… [la Corte Costituzionale] da organo di garanzia si è trasformata in organo politico… abbiamo avuto purtroppo tre presidenti della Repubblica consecutivi tutti di sinistra… C’è una sinistra che ha attaccato il presidente del Consiglio su tutti i fronti inventandosi delle calunnie su tutti i fronti, ma chi crede in me è ancora più convinto. Tutti si dicono: ‘dove si trova uno forte e duro con le palle come Silvio Berlusconi?’”

Ma la tragedia non è il caudillo della repubblica confessionale delle banane in trasferta in Europa; la vera tragedia italiana è che se Berlusconi piscia sulla Repubblica nata dalla lotta contro il fascismo, c’è chi è contento di tenerglielo mentre piscia e chi fa a gara per sgrullarglielo dopo che l’incontinente ha terminato la sua ennesima minzione. La vera tragedia italiana – tragedia che si ripete a meno di cento anni nel paese che diede i natali al fascismo – è che gran parte dei cittadini italiani, resi stolti e ignoranti da un sistema d’informazione (leggi: propaganda) di cui Goebbels sarebbe invidioso, continuano ad applaudire il caudillo mentre questi gli piscia addosso. La vera tragedia italiana è quella maledettissima borghesia italiana – borghesia che fascista era e fascista e’ rimasta – che sta non solo permettendo ma aiutando la riedizione di quel fascismo, anche se sotto mentite spoglie. La vera tragedia italiana è la classe degli intellettuali che – con rarissime eccezioni – segue l’esempio dei padri e dei nonni durante il Ventennio promuovendo gli applausi e litigandosi il real fallo per lo sgrullo. La vera tragedia italiana è il maggior partito d’opposizione, quel PD in balia della realpolitik di D’Alema, un partito che ha perso qualsiasi convinzione rimanendo solo con le convenienze dei suoi piccoli prefetti. No, il PD non è solo realpolitik e non è solo D’Alema; ma le donne e gli uomini di buona volontà all’interno del PD – e ce ne sono moltissimi – dovrebbero chiedersi se la loro presenza all’interno del partito non rischi a questo punto di diventare una vana foglia di fico usata per nascondere quelle vergogne che ormai non potrebbero essere nascoste nemmeno da una grande foresta.

La vera tragedia – ora come allora – è l’Europa che sta a guardare mentre la democrazia le muore in casa. Anche questo un film già visto.

About these ads

Una risposta a Déjà-vu: Berlusconi piscia, l’Italia applaude e l’Europa tace

  1. [...] oggi la miniserie dedicata al capezzale della Repubblica; le parole di Berlusconi pronunciate ieri a Bonn al congresso del Partito Popolare Europeo (PPE) rappresentano il certificato di morte di quella [...]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 30 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: